Il mio primo quilt - My very first quilt


GIUGNO 1992 : il mio primo quilt.
WORKSHOP " Patchwork come ricerca espressiva"
con l'artista Silviane Zurly Annecy (FR).
In questi giorni ho voluto mettere in vista questo quilt nel mio laboratorio per ricordarmi, ogni volta che lo vedo, l'istante in cui ho scoperto che il patchwork era il mio mondo.
Fino a quel momento , quasi 25 anni fa (wow!), vedevo questa tecnica lontana da me.
Lavoravo in un centro per persone disabili psichiche dove con la terapia occupazionale cercavamo un filo di comunicazione non sempre immediato : tessitura, ricamo, maglieria e qualsiasi altra attività tessile ci permetteva di relazionare con i ragazzi e di dare la possibilità di creare con le loro mani oggetti bellissimi. Ho sempre creduto, e lo credo tutt'ora, che la conoscenza e la formazione siano fondamentali per qualsiasi professione. Per questa ragione sono sempre alla ricerca di stage e momenti di accrescimento che mi diano nuove esperienze e nuove conoscenze. E con questo workshop è stato davvero così e non me lo aspettavo proprio!


JUNE 1992 : my very first quilt.
WORKSHOP " Patchwork as espressive research"
with Silviane Zurly Annecy (FR).
These days I wanted to show  this quilt in my lab to remind me, every time I see it, the moment when I discovered that the patchwork was my world.
Until that time, nearly 25 years ago (wow!), I saw this technique away from me.
I worked in a psychic disabled people school, where the occupational therapy were looking for a not always immediate line of communication: weaving, embroidery, knitting and any other textile activity allowed us to relate to the kids and to give the opportunity to create with their hands beautiful objects. I have always believed, and still believe, that the knowledge and training are fundamental for any profession. For this reason I'm always looking for workshops and opportunities that give me new experiences and new knowledge. And with this workshop it was really so, and did not expect it at all!

Il ricordo più vivo dello stage sono i due tavoli colmi colmi di stoffe, uno con i colori freddi ed un altro con quelli caldi, che Silviane ci ha messo a disposizione per imparare ad accostare i colori, scegliere le pesantezze e giocare con una miriade di pezze.
Tutti tessuti raccolti da lei nei mercatini che hanno attirato la sua curiosità per il tono del colore o per la stampa particolare : incredibili !
E noi ci siamo perse in due giornate spettacolari ricche di emozioni e di creatività che Silviane ha saputo condurre cercando di fare conoscere ad ognuna il proprio lato "morbidoso" artistico.

The most vivid memory of the stage are the two long tables full of fabrics, one with the cool colors and another with hot ones, which Silviane has made available to us to learn how to pull the colors, choose the heaviness and play with a myriad of patches.
All tissues collected from Silviane in the markets that have attracted her curiosity for the color tone or for the particular print: amazing!
And we losted in two rich spectacular days of excitement and creativity that Silviane has been able to conduct , trying to known to each its own "Soft" side.


Certamente il risultato può sembrare banale : strisce cucite e tagliate e assemblate nuovamente a comporre un top lineare. 
Con gli occhi di adesso, critici e severi nei riguardi dei quilts delle esposizioni ma soprattutto con i lavori che io stessa faccio, posso dire che a livello tecnico è stato un buon inizio.
La prima quiltatura, fatta tra l'altro con il filo trasparente, il bordo doppio alto tanto davanti quanto dietro che ora non farei mai per la complessità delle cuciture ...molto più comodo un binding classico!
Dentro questo quilt c'è un pezzo della mia vita legato ai moltissimi ricordi che mi portano alla mente e al cuore l' immenso affetto ricevuto da persone che non chiedono nulla ma danno moltissimo.
Sono felice di avere vissuto queste esperienze e altrettanto felice di avere conosciuto 
il MONDO del PATCHWORK.

Of course the result could seem simple : strips sewn and cut and assembled again to compose a linear top.
With my eyes now, critical and severe regarding the quilts of shows but especially with my quilts , I can say that technically it was a good start.
The first quilting , made with transparent thread, twice binding as high as the front and the back that now I would never do for the complexity of the seams ... much more comfortable classic binding !
Within this quilt there is a piece of my life tied to the many memories that come to my mind and my heart, the immense affection received from people who do not ask for nothing but they give a lot.
I am happy to have lived this experience and very happy to have known
the WORLD of PATCHWORK.

Commenti